Un esercito di statue futuriste invade Bellagio, la perla del lago di Como

giugno 2012

Tutta la cittadina lariana coinvolta nel progetto ArteKontatto, fuori mostra del Festival Internazionale dell’Arte di Bellagio

Come soldati a presidiare la cultura sul lago di Como. Sono circa ottanta le statue arrivate a Bellagio da Milano, realizzate dagli allievi dell’Accademia di Brera, che resteranno esposte nella cittadina fino alla fine del mese di settembre, “adottate” da alcuni operatori turistici del luogo.

L’iniziativa di far esporre le statue non in un museo o in una sala, ma per le vie della città, rientra nel progetto ArteKontatto, fuori mostra del Festival Internazionale dell’Arte di Bellagio, curato da Mario Rozza e intitolato a Filippo Tommaso Marinetti, che visse a Bellagio l’ultima parte della sua vita.

Obiettivo del progetto è portare le opere d’arte a contatto diretto con il pubblico, come installazione di arredo urbano artistico. La grande forze e novità dell’evento è stata la capacità di coinvolgere un’intera cittadina.

La manifestazione si concluderà negli ultimi giorni di settembre, quando le statue saranno battute all’asta al Grand Hotel Villa Serbelloni, il famoso e raffinato albergo cinque stelle Lusso di Bellagio. Il ricavato dell’asta sarà devoluto a progetti umanitari e a sostegno dei giovani artisti.

L’estate bellagina si colora dunque di futurismo e Bellagio, per la sua capacità di unire bellezze naturali e attrattive culturali, si conferma una meta interessante anche per chi deve organizzare incontri di lavoro e può trovare già sul posto momenti di intrattenimento per il tempo libero.

Per chi volesse organizzare il proprio evento aziendale nella perla del lago di Como, c’è anche la possibilità di prenotare in esclusiva per pranzi di lavoro il ristorante Mistral del Grand Hotel Villa Serbelloni, una stella Michelin.

Per sapere dove si trovano le statue e passare una giornata futurista a Bellagio: info@promobellagio.it oppure telefonare al numero 031 951 555)

Vai alla scheda di