Carlo Pierato e Mistral fra le eccellenze del Gambero Rosso

novembre 2014

Premio al Gambero Rosso - Pierato

Il ristorante Mistral del Grand Hotel Villa Serbelloni ha ricevuto dal Gambero Rosso la conferma dell’eccellenza: Miglior Servizio in Sala d’Albergo e due forchette.

Roma,  17 Novembre. A Carlo Pierato, Restaurant Manager del Mistral, la Guida Ristoranti Gambero Rosso 2015 ha assegnato il premio “Miglior Servizio in Sala d’Albergo” nel corso della presentazione alla Città del Gusto.
L’eccellenza della cucina e del servizio in sala del Grand Hotel Villa Serbelloni è confermata anche dalla classifica generale del Gambero Rosso che assegna al ristorante Mistral due forchette e un punteggio di 89 su 100. Una meta fondamentale per tutti gli amanti della buona cucina.

Carlo Pierato
era stato nominato anche migliore maitre dalla Guida de L’Espresso 2014.
Mentre il Ristorante Mistral dal 2005 è segnalato con una stella Michelin grazie al lavoro eccellente dello chef Ettore Bocchia, considerato il “guru” della cucina molecolare italiana.
E il riconoscimento di “miglior pasticcere dell’anno” della Guida l’Espresso 2015 è andato a un altro professionista del Mistral, Manuel Ferrari che è passato “dal salto al dolce” con inventiva e risultati eccellenti.

Il Mistral è il ristorante elegante del Grand Hotel Villa Serbelloni di Bellagio (sul lago di Como). Chiuso durante l’inverno, riaprirà per la nuova stagione agli inizi Aprile 2015, quando il lago si tingerà dei colori e dei profumi della primavera.
Nei week-end sarà aperto sia a pranzo che a cena, mentre in settimana solo a cena, con la possibilità di prenotarlo in esclusiva per eventi o pranzi di lavoro.

Ettore Bocchia, executive chef del Mistral, è autore di un articolo per Italia Convention, in cui spiega i vantaggi della cucina molecolare nel valorizzare le materie prime e nell’organizzazione di pranzi e cene di altissimo livello anche per grandi numeri.
Leggi l’articolo >>>

pierato_gamberorosso

Nella foto: Carlo Pierato ritira il premio “Miglior Servizio in Sala d’Albergo”
Fonte: Francesco Vignali

Vai alla scheda di