Astronauti NASA al Grand Hotel Villa Serbelloni di Bellagio

luglio 2012

Conferenza pubblica al 5 stelle lusso di Bellagio di 4 astronauti sull’ultima missione dello Space Shuttle Endeavour.

Al Grand Hotel Villa Serbelloni, il 5 stelle lusso di Bellagio, alcuni membri dell’equipaggio NASA dello Space Shuttle Endeavour saranno ospiti per una cena il 27 luglio e terranno una conferenza nella mattina di sabato 28 luglio.
Sono il pilota Gregory Johnson e gli specialisti di missione Edward Michael Fincke, Andrew Feustel e Gregory Chamitoff.
In questa tappa bellagina saranno accompagnati da Paola Catapano del CERN, reduce dal grande vento mediatico per la presentazione della scoperta del bosone di Higgs grazie al Large Hadron Collider (LHC) inaugurato nel 2008.

La conferenza tratterà della loro più recente missione nello spazio.
I quattro astronauti della NASA, infatti, sono stati protagonisti dell’ultimo volo dello Space Shuttle Endeavour, che aveva l’obiettivo di installare nella Stazione Spaziale Internazionale l’Alpha Magnetic Spectrometer (AMS-02), assemblato dal CERN di Ginevra per effettuare misurazioni dei raggi cosmici, utili per studiare la materia oscura e l’antimateria, elementi chiave nella ricerca sull’origine dell’universo.

Questo evento, aperto al pubblico, ma con posti limitati e prenotazione obbligatoria (Promobellagio – tel. 031.951.555), conferma la vitalità dell’estate bellagina e e la vocazione del Grand Hotel Villa Serbelloni ad ospitare concerti, mostre e manifestazioni per un turista in cerca di esperienze di qualità.

Curiosità di questo evento: la conferenza è ospitata in una sala dove è in corso anche una mostra di Angelo Gilardoni, acquerellista di Bellagio. Un interessante connubio tra un’arte antica e le scoperte scientifiche più innovative.

Il Grand Hotel Villa Serbelloni ha infatti spazi ideali per ospitare eventi di classe e Belagio è l’unica tappa italiana (nonché l’ultima) di un giro europeo di conferenze che gli astronauti statunitensi hanno tenuto nel mese di luglio, in collaborazione con il CERN.

Vai alla scheda di